Batti il muro

Il libro che desidero segnalare è un romanzo per adolescenti: Antonio Ferrara, Batti il muro, Ed. Rizzoli, 2011.

E’ la storia di una bambina, Caterina, la cui madre, almeno una volta al mese, entrava e usciva dal manicomio; per “piccoli periodi di cura” come li chiamava il padre della bambina. Di tanto in tanto, la madre chiedeva a Caterina di entrare nell’armadio di casa. L’anta si chiudeva in fretta e la bambina rimaneva lì, al buio e in silenzio. Poi piano piano si procurò una torcia e dei libri. La storia che Ferrara narra magistralmente è davvero accaduta. Caterina è oggi una fervida, appassionata libraia. Perché, come scriveva Anna Frank nel suo Diario, “La gente non sa quanto siano importanti i libri per uno che sta nascosto”.

Di Manuela Trinci

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteMedea
Prossimo articoloDettagli inutili