Raffaele Bracalenti

Medico dal 1981, ha incominciato ad occuparsi di psicoanalisi con Sandro Gindro dall’età di diciannove anni. Prestissimo è divenuto collaboratore di Gindro affiancandolo sia nell’attività clinica sia in quella di ricerca. Da sempre è interessato, oltre all’attività clinica, all’uso della psicoanalisi in contesti non clinici (scuole, servizi sociali, comunità): si è così occupato di formazione di insegnanti, assistenti sociali, educatori, e anche dello sviluppo di nuove modalità di lavoro sociale in contesti diversi. E’ socio fondatore dell’Iprs, dove ha ricoperto la carica di vicepresidente dalla fondazione al 2002, anno in cui è divenuto Presidente, dopo la morte del fondatore Sandro Gindro. Nel corso di quasi trent’anni di attività di ricerca si è occupato principalmente di: minori (minori e devianza, bullismo, dispersione scolastica, minori stranieri), giustizia riparativa, immigrazione, discriminazione, razzismo. Ha ricoperto la funzione di Direttore scientifico e Coordinatore in un numero rilevante di progetti nazionali e europei sui temi dell’infanzia e dell’adolescenza nei programmi Daphne, DG Employment, Social Affairs and Inclusion; DG Home Affairs; DG Justice; DG Research (nell’ambito del settimo programma quadro e ora di Horizon) e per conto della Presidenza del Consiglio, del Ministero del Lavoro, del Ministero dell’Interno, sui temi dell’adolescenza e dell’infanzia, delle migrazioni e dell’integrazione; il rapporto tra minori e Giustizia Minorile declinato, esso stesso, in ulteriori specifici assi di intervento quali: la comunicazione sociale, la messa a punto di strumenti per la condivisione di saperi e linguaggi tra Giustizia Minorile e servizi sanitari.
4 POSTS

Vax, no-vax e Terzo pensiero

Forse perché ormai disabituato ai programmi televisivi, è stato per me particolarmente traumatico assistere ad una trasmissione cosiddetta di approfondimento. Tema inevitabile la pandemia. Con il passare dei minuti aumentava la mia insofferenza a fronte di una violenza sempre più proterva verso qualsiasi posizione anche latamente critica nei confronti...

L’Eracle paraolimpico

Il mito di Eracle è certamente uno dei più affascinanti della mitologia greca proprio perché condensa nel nome e nel destino la contraddittorietà dell’essere umano: Eracle onora, nel nome, la dea Era che lo perseguiterà tutta la vita. È il campione della forza ed è messo costantemente alla prova...

La Rivoluzione stanca

I costi sempre crescenti dei sistemi sanitari possono essere letti secondo molti e separati punti di vista: uno riguarda il vertiginoso aumento dei costi delle pratiche sanitarie, solo in parte giustificato dagli investimenti necessari per garantire i processi terapeutici: di fatto i sistemi sanitari garantiscono profitti altissimi, e questo...

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato il vostro incontro con i...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali, che si occupavano di persone...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da criminali. E da criminali matti....

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il modello di cura non può...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come Legge Basaglia, diede origine alla...