La classe morta

Proporrei un’opera teatrale: La classe morta di Tadeusz Kantor, del 1975.
Non vengono rappresentati folli, alienati o pazzi. Ma la vita di una classe di bambini frammentata nelle loro esistenze interrotte. La sofferenza psichica comporta spesso una lucidità eccessiva sugli interrogativi che la vita ci pone e da cui ci difendiamo in mille modi.

Di Angelo Fioritti

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteQuarta dimensione
Prossimo articoloLa poesia di Rossano Onano