Acqua salata

Acqua salata di Jessica Andrews

Avevo un insegnante di lettere speciale che mi faceva credere che le mie idee fossero importanti. Mi fece conoscere scrittori che mi legarono le loro parole attorno ai polsi e mi impedirono di cadere nel vuoto.

Il tema del disagio giovanile è oggi ancora più incombente, per la giovane Lucy tutto è sofferenza, inadeguatezza, bisogno di riscatto, attraverso la scrittura del suo diario, riesce a dar forma al flusso dei pensieri e delle emozioni, da subito emergono il rapporto viscerale con la madre,  le paure, i conflitti e le sfide legate alla disabilità del fratello e all’alcolismo del padre. Da Londra torna in Irlanda venendo a patti col proprio passato e decidere cosa fare del proprio futuro.

Di Roberta Famulari

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteEducazione di una canaglia
Prossimo articoloCecità