Quarta dimensione

In “Quarta dimensione”, Gianni Ritsos descrive come la sofferenza umana sia declinabile attraverso il tempo che tutto mescola e tutto trasforma. Tra la sofferenza immortale del mitico Agamennone e la sofferenza dell’Agamennone trasposto nei tempi di oggi, povero e pieno di dubbi, senza più alcuna gloria, non c’è alcuna differenza. Il mito non è un ammantare celebrativo né occasione per fare poesia ma appello alla dimensione autentica dell’umanità.

Di Marinella Linardos

Ultimi articoli

Questione di prospettive

Questo contributo nasce per un carissimo amico e compagno di viaggio nel mio travagliato...

L’Eracle paraolimpico

Il mito di Eracle è certamente uno dei più affascinanti della mitologia greca proprio...

La crisi afghana e il fallimento delle politiche europee.

L’attuale drammatica situazione dell’Afghanistan pone l’Europa e l’Italia a fronte di scelte cruciali, e...

La Rivoluzione stanca

I costi sempre crescenti dei sistemi sanitari possono essere letti secondo molti e separati...

L’ossimoro carcerario

In questo articolo riportiamo un’intervista realizzata nell’ambito della rete internazionale INTDC (International Network of...
Articolo precedenteEleanor Oliphant sta benissimo
Prossimo articoloLa classe morta