Quarta dimensione

In “Quarta dimensione”, Gianni Ritsos descrive come la sofferenza umana sia declinabile attraverso il tempo che tutto mescola e tutto trasforma. Tra la sofferenza immortale del mitico Agamennone e la sofferenza dell’Agamennone trasposto nei tempi di oggi, povero e pieno di dubbi, senza più alcuna gloria, non c’è alcuna differenza. Il mito non è un ammantare celebrativo né occasione per fare poesia ma appello alla dimensione autentica dell’umanità.

Di Marinella Linardos

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteEleanor Oliphant sta benissimo
Prossimo articoloLa classe morta