La Fine del Mondo

Ho scelto il testo La Fine del Mondo di Anastasio.
Il senso di questa canzone, in genere, in rete è spiegato con la diacronia tra genitori boomer dal presente, passato e futuro preconfezionato e gli adolescenti millenial del tutto privi di futuro, chiusi in un mondo divorato dai genitori, che li hanno espropriati perfino del diritto di sbagliare.
Il senso che ho sempre dato io a questa canzone è completamente diverso.
Un adolescente come gli altri soffre un disagio rispetto alle attese dei genitori e della società, come previsto dalla lettura data comunemente, ma solo nelle prime strofe.
In quelle intermedie infatti la risposta è decisamente un breakdown psicotico con gravi aspetti depressivi. Il mondo ci paralizza nel letto. Quanti pazienti sono in queste condizioni?
Dietro questo vissuto depressivo si cela però un delirio agitato, un passaggio alla fase maniacale.
Il mondo si sgretola nelle ultime strofe, con una violenza che parte comunque dal profondo e contemporaneamente dall’altrove di un universo altrettanto profondo. Da là arrivano i bassi e il meteorite. Un delirio di onnipotenza che si oppone alla depressione delle strofe intermedie.
Il mondo esplode, senza possibilità di rimedio.

Di Manlio Converti

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Prossimo articoloIl Tamburo di latta