Eleanor Oliphant sta benissimo

Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman

Ricostruisce la storia di una persona e i suoi traumi, a partire dalle modalità che ha individuato per affrontarle

Descrive la solitudine in un contesto urbano e ne sottolinea gli aspetti funzionali allo status quo, all’evitamento dei propri traumi

Evidenzia che è invece la relazione interpersonale a fare la differenza, a consentire che il dolore non diventi tragedia, ma vettore di cambiamento

Di M. Patrizia Favali

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteCecità
Prossimo articoloQuarta dimensione