Eleanor Oliphant sta benissimo

Eleanor Oliphant sta benissimo di Gail Honeyman

Ricostruisce la storia di una persona e i suoi traumi, a partire dalle modalità che ha individuato per affrontarle

Descrive la solitudine in un contesto urbano e ne sottolinea gli aspetti funzionali allo status quo, all’evitamento dei propri traumi

Evidenzia che è invece la relazione interpersonale a fare la differenza, a consentire che il dolore non diventi tragedia, ma vettore di cambiamento

Di M. Patrizia Favali

Ultimi articoli

Questione di prospettive

Questo contributo nasce per un carissimo amico e compagno di viaggio nel mio travagliato...

L’Eracle paraolimpico

Il mito di Eracle è certamente uno dei più affascinanti della mitologia greca proprio...

La crisi afghana e il fallimento delle politiche europee.

L’attuale drammatica situazione dell’Afghanistan pone l’Europa e l’Italia a fronte di scelte cruciali, e...

La Rivoluzione stanca

I costi sempre crescenti dei sistemi sanitari possono essere letti secondo molti e separati...

L’ossimoro carcerario

In questo articolo riportiamo un’intervista realizzata nell’ambito della rete internazionale INTDC (International Network of...
Articolo precedenteCecità
Prossimo articoloQuarta dimensione