La poesia di Rossano Onano

La poesia di Rossano Onano. I suoi libri sono la lettura più incandescente che si possa essere accompagnati a fare a bordo di quei territori di salute e malattia che chiamiamo follia. Già i titoli sono una espugnazione: Le ancòra chiuse figlie marinaieAppunti ragionati di prossemicaPreghiera a Manitou di cane pazzo e altri meravigliosi. La scrittura poetica di Rossano Onano è perfetta nello stile e cavernosa per i mondi e i personaggi e le storie dentro cui infila il lettore: “(Le possessioni sono sempre reciproche: quindi, per ogni essere umano indemoniato, esiste un demonio umanizzato. Questa osservazione ha implicazioni speculative che vengono spesso trascurate).” A conferma che la poesia (come la follia) è sempre eccedenza di verità. Ma tenuta mimeticamente a bada.

Di Mariella De Santis

 

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...