La poesia di Rossano Onano

La poesia di Rossano Onano. I suoi libri sono la lettura più incandescente che si possa essere accompagnati a fare a bordo di quei territori di salute e malattia che chiamiamo follia. Già i titoli sono una espugnazione: Le ancòra chiuse figlie marinaieAppunti ragionati di prossemicaPreghiera a Manitou di cane pazzo e altri meravigliosi. La scrittura poetica di Rossano Onano è perfetta nello stile e cavernosa per i mondi e i personaggi e le storie dentro cui infila il lettore: “(Le possessioni sono sempre reciproche: quindi, per ogni essere umano indemoniato, esiste un demonio umanizzato. Questa osservazione ha implicazioni speculative che vengono spesso trascurate).” A conferma che la poesia (come la follia) è sempre eccedenza di verità. Ma tenuta mimeticamente a bada.

Di Mariella De Santis

 

Ultimi articoli

Questione di prospettive

Questo contributo nasce per un carissimo amico e compagno di viaggio nel mio travagliato...

L’Eracle paraolimpico

Il mito di Eracle è certamente uno dei più affascinanti della mitologia greca proprio...

La crisi afghana e il fallimento delle politiche europee.

L’attuale drammatica situazione dell’Afghanistan pone l’Europa e l’Italia a fronte di scelte cruciali, e...

La Rivoluzione stanca

I costi sempre crescenti dei sistemi sanitari possono essere letti secondo molti e separati...

L’ossimoro carcerario

In questo articolo riportiamo un’intervista realizzata nell’ambito della rete internazionale INTDC (International Network of...