Cecità

Cecità di Josè Saramago.

È un libro che fa riflettere sull’indifferenza, sul senso di solidarietà fra le persone e sulla sua mancanza, accompagnandoci a parallelismi con la quotidianità delle nostre vite e sui rischi di ritirarsi nelle proprie zone di comfort .

Si parla della società e delle sue strutture di potere, essendo ambientato in un tempo e un luogo indefiniti, questa vicenda può riguardare chiunque. L’occasione pandemica che ha imposto ed impone a tutti noi dei cambiamenti, cosi come per i personaggi di cecità l’internamento in manicomio, potrebbe darci la libertà di ridefinirci in una organizzazione nuova e più equa, etica?

In un passaggio di cecità, l’episodio del razionamento del cibo da parte dei ciechi malvagi, Saramago affronta il problema della fame nel mondo. La fame nel modo può essere paragonata a tante situazioni di “mancanza” ed il lettore è accompagnato una rilettura critica delle motivazioni delle mancanze e, nuovamente, delle strutture di potere.

Di Barbara Rosina

Ultimi articoli

Non fate le stesse cose

Marco D’Alema Come avete affrontato la vostra esperienza di sofferenza mentale e come è stato...

La chimica della felicità

All’inizio del ventesimo secolo le cure psichiatriche si praticavano all’interno di manicomi, perlopiù statali,...

Diteci per cortesia la verità sulle REMS

Le cooperative sociali aderenti a ConfcoopeREMS e OPG sono roba da matti. E da...

Abitare, Riabilitare, Essere

Affrontare il tema della sofferenza psichica e dei luoghi della cura, richiede estrema CURA! Il...

Basaglia non conosceva i bambini

La chiusura degli ospedali psichiatrici prevista dalla Legge 180 del 1978, meglio nota come...
Articolo precedenteAcqua salata
Prossimo articoloEleanor Oliphant sta benissimo