Cecità

Cecità di Josè Saramago.

È un libro che fa riflettere sull’indifferenza, sul senso di solidarietà fra le persone e sulla sua mancanza, accompagnandoci a parallelismi con la quotidianità delle nostre vite e sui rischi di ritirarsi nelle proprie zone di comfort .

Si parla della società e delle sue strutture di potere, essendo ambientato in un tempo e un luogo indefiniti, questa vicenda può riguardare chiunque. L’occasione pandemica che ha imposto ed impone a tutti noi dei cambiamenti, cosi come per i personaggi di cecità l’internamento in manicomio, potrebbe darci la libertà di ridefinirci in una organizzazione nuova e più equa, etica?

In un passaggio di cecità, l’episodio del razionamento del cibo da parte dei ciechi malvagi, Saramago affronta il problema della fame nel mondo. La fame nel modo può essere paragonata a tante situazioni di “mancanza” ed il lettore è accompagnato una rilettura critica delle motivazioni delle mancanze e, nuovamente, delle strutture di potere.

Di Barbara Rosina

Ultimi articoli

Questione di prospettive

Questo contributo nasce per un carissimo amico e compagno di viaggio nel mio travagliato...

L’Eracle paraolimpico

Il mito di Eracle è certamente uno dei più affascinanti della mitologia greca proprio...

La crisi afghana e il fallimento delle politiche europee.

L’attuale drammatica situazione dell’Afghanistan pone l’Europa e l’Italia a fronte di scelte cruciali, e...

La Rivoluzione stanca

I costi sempre crescenti dei sistemi sanitari possono essere letti secondo molti e separati...

L’ossimoro carcerario

In questo articolo riportiamo un’intervista realizzata nell’ambito della rete internazionale INTDC (International Network of...
Articolo precedenteAcqua salata
Prossimo articoloEleanor Oliphant sta benissimo